condividi
icona facebook icona twitter icona rss feed icona mail
 

prev back next

Contatta l'azienda
Alessandro Accorsi
-,
Medolla
e-mail:
achemone@yahoo.it
tel: -

home > Fotografie di una ripresa

Alessandro Accorsi - Medolla

Fotografie di una ripresa

Ideare, confrontarsi, provvedere, rinsaldare, ripartire, ricostruire le case ma anche le comunità. Dare una risposta reale, tangibile, nelle vie dei comuni colpiti, significa anche documentare questa nuova resistenza emiliana per poterla raccontare agli altri e a se stessi.  
Questa l'idea che ha mosso Alessandro Accorsi, appassionato fotografo di San Cesario sul Panaro. Una volta appreso del gemellaggio tra il proprio comune e quello di Medolla, gravemente colpito dal sisma, all'inizio di agosto decide di percorrere le vie del comune dell'alto modenese per catturare immagini di quotidiana ripresa.
L'obiettivo della macchina fotografica dapprima si sofferma sbigottito di fronte alle macerie, segno della potenza del sisma: chiese, edifici pubblici, aziende e case private tagliate, spaccate, sbriciolate. Poi però dietro i pezzi di case e di cose si scorgono i segnali cercati. Uffici comunali, postali e circoli ricreativi operativi, seppur dentro i container. Il cantiere per la costruzione della nuova scuola reso possibile grazie ai fondi raccolti, una palestra diventata magazzino, un rifugio per cani e gatti organizzato da Talita... Nella zona artigianale e industriale alcuni uffici sono ancora sventrati, ma le gru sono già al lavoro e le travi nuove dei capannoni aspettano di essere posate. 
L'Assessore all'Ambiente e alla Sicurezza del Comune di Medolla che aveva autorizzato il primo sopralluogo accompagna Alessandro in una seconda ispezione. È la fine d'agosto: seppur all'aperto si prepara la passata di pomodoro. Alessandro cattura in una delle immagini più veraci una tradizione lontana che schizza di rosso la tovaglia di plastica messa a protezione dell'improvvisato piano di lavoro. E poi ci sono le parole scritte dai commercianti: “Riapriamo”, “Siamo tornati”, “Ci siamo trasferiti momentaneamente in piazza del Popolo”, e così via. Su un'inferiata di una chiesa pericolante è affissa una freccia: indica il luogo dove si terrà un matrimonio. Anche questa è ricostruzione.

(fonte: Guarda tutte le foto - maggiori informazioni...)


©2012 - HIC ADV srl - P.IVA 02348610359 - C.C.I.A.A. di RE - REA 273553 - Cap.Soc. 10.000€ i.v. - Privacy - Condizioni d'uso - Cookies Concept & Design by HIC ADV - Powered by Infores - Webmaster